Città di Vignola

Piano Regolatore Generale

Negli anni 2014/2016 sono state approvate diverse varianti urbanistiche che hanno definito le conseguenti modifiche da apportare sia alla Cartografia Coordinata del Piano Regolatore Generale che alle Norme Tecniche di Attuazione del P.R.G., a seguito della specifica approvazione da parte del Consiglio Comunale e precisamente:

  • DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 55 del 22/07/14   
    VARIANTE AL P.R.G AI SENSI DELL'ART.15, COMMA 4 LETT. D), DELLA L. R. 47/78 E S.M.E.I PER L'ADEGUAMENTO DELLE N.T.A. DEL VIGENTE P.R.G., A SEGUITO DELL'APPROVAZIONE DELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.12 DEL 25.02.2014 RELATIVA AL RECEPIMENTO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE UNIFORMI PER L'URBANISTICA ED EDILIZIA AI SENSI DELL'ART.57, COMMA 4 DELLA L. R. 15/2013 NONCHE' MODIFICHE AL CAPO V - DISCIPLINA DELLE TRASFORMAZIONI EDILIZIE. APPROVAZIONE
  • DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 56 del 22/07/14   
    VARIANTE EX ART. 15 COMMA 4 DELLA L. R. 47/78 PER RIASSETTO URBANISTICO DI AREE E SERVIZI PUBBLICI PREVISTI DALLA PROGRAMMAZIONE COMUNALE. CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI E APPROVAZIONE
  • DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42 del 26/05/15   
    APPROVAZIONE VARIANTE AL VIGENTE P.R.G. AI SENSI DELL’ART. 14 – A – BIS DELLA L. R. 20/2000 PER AMPLIAMENTO DI FABBRICATO PRODUTTIVO ESISTENTE SITO NEL COMUNE DI MARANO SUL PANARO (MO) DI PROPRIETA' DELLA DITTA P.M. SPA, LUNGO IL CONFINE AMMINISTRATIVO CON IL COMUNE DI VIGNOLA E ORDINE DEL GIORNO COLLEGATO
  • DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 75 del 24/11/15   
    VARIANTE NORMATIVA EX ART. 15 COMMA 4) LETTERA C) - E) E COMMA 7, L. R. 47/1978 SS.MM.II. ALLE NTA DEL VIGENTE PRG, RELATIVA AL CAPO V, TITOLO II, ART. 75 DELLE NTA NONCHE’ ALL’ART. 62 DELLE MEDESIME NORME: CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI E APPROVAZIONE
  • DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 7 del 26/01/16     
    ADEGUAMENTO DELLE N.T.A DEL VIGENTE P.R.G. A SEGUITO DELLE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA L.R. 9/2015, LEGGE COMUNITARIA REGIONALE PER IL 2015, ALL’ART. 28 DELLA L.R. 15/2013, SEMPLIFICAZIONE DELLE DISCIPLINA EDILIZIA, RELATIVO AL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D’USO
  • DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 49 del 13/09/16   
    VARIANTE EX ART. 15, COMMA 4 DELLA L. R. 47/78 PER RIASSETTO URBANISTICO DELLE AREE A PREVALENTE DESTINAZIONE PRODUTTIVA – ZONE D – DEL PRG VIGENTE. CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI E APPROVAZIONE (parziale)
  • DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 51 del 13/09/16   
    APPROVAZIONE DELLA VARIANTE AL VIGENTE P.R.G. AI SENSI DELL’ART. A-14-BIS DELLA L. R. 20/2000 – MISURE URBANISTICHE PER FAVORIRE LO SVILUPPO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE – E DELL’ART. 8 DEL D.P.R. 160/2010 PER L'INTERVENTO DI AMPLIAMENTO DI FABBRICATO PRODUTTIVO ESISTENTE SITO NEL COMUNE DI VIGNOLA, VIA DELLA TECNICA N. 434 – PROPRIETA’ MINGHELLI ETTORE
  • DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 71 del 21/12/2017
    ARTT. 2 E 12 DELLA L.R. 12/2017 - RECEPIMENTO E DETERMINAZIONI CIRCA L'ENTRATA IN VIGORE DELLE DEFINIZIONI TECNICHE UNIFORMI DI CUI ALL'ATTO REGIONALE DI COORDIAMNETO TECNICO PER LA SEMPLIFICAZIONE E L'UNIFORMAZIONE IN MATERIA EDILIZIA, AI SENSI DEGLI ARTT. 2-BIS E 12 DELLA L.R. 15/2013, APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE N. 922 DEL 28/06/2017

Le delibere sono scaricabili da http://www.comune.vignola.mo.it/comune/delibere/index.htm

Il testo delle Norme Tecniche di Attuazione del P.R.G. è quindi INTEGRATO secondo le modifiche approvate con le delibere consiliari sopra citate con le quali, ai sensi dell’art. 15 comma 4 lett. C) ed E) della L. R. 47/78, si è provveduto anche:

  • ad una revisione delle norme in zona agricole per quanto riferito al recupero del patrimonio edilizio esistente (rif. art. 75), ed in particolare per quanto relativo a quel patrimonio definito con forte impatto nel territorio di cui alla Tab. B2 del citato articolo, orientando tale revisione  verso obiettivi generali di  valorizzazione del territorio rurale nel suo insieme e delle produzioni agro alimentari tipiche del territorio stesso.
  • a correggere la definizione del parametro dell’altezza massima consentita nella Zone residenziali B2, come regolamentata dall’art. 62 delle N.T.A., al fine di assicurare nelle norme una maggiore certezza e determinazione nell’applicazione del parametro stesso;
  • a prendere atto del mero errore materiale, intervenuto nell’editing dell’art.18 come approvato con Del. C.C. n. 55 del 22/07/2014, con la quale si recepivano “le definizioni tecniche uniformi di cui alla Delibera Assemblea Legislativa n. 279/2010”, dove si è omesso di riportare altresì le definizioni delle "Superfici escluse dal computo della Su e della Sa" e, come rilevato dallo stesso Ufficio, la stessa definizione di “Volume Utile”.

Con delibera consiliare n. 7 del 26/01/2016 si è provveduto alla presa d'atto delle innovazioni introdotte dalla legge regionale n. 9 del 16/07/2015 sull’art. 28 della L. R. 15/2013 relativamente alla disciplina sul Mutamento di destinazione d’uso, adeguando il testo degli artt. 38 e 39 delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Regolatore Comunale. Tale adeguamento del testo normativo del P.R.G. vigente non modifica nella sostanza i contenuti e le previsioni dello stesso, essendo esclusivamente orientato a recepire ed agevolare l’applicazione della nuova disciplina sul Mutamento di destinazione d’uso di cui all’art. 28 della L. R. 15/2013 e ss. mm. ed ii. e con la delibera consiliare n. 71 del 21/12/2017 sono state recepite, ai sensi della Legge regionale n. 12 del 23/06/2017, le modifiche agli strumenti urbanistici vigenti in adeguamento alla deliberazione della Giunta regionale dell’Emilia Romagna n. 922 del 28/06/2017 di approvazione dell’atto di coordinamento tecnico per la semplificazione e l’uniformazione in materia edilizia, ai sensi degli artt. 2-bis e 12 della L. R. 15/2013.

Infine con la Delibera di Consiglio Comunale n. 63 del 28/12/2018 è stata approvata una variante normativa e cartografica al vigente Piano Regolatore Generale ai sensi dell’Art. 15, Comma 4 della L.R. 47/78 e ss. mm. ed ii. ed in conformità all’Art. 4 della L.R. 24/2017 a seguito della quale si è provveduto all’aggiornamento dei seguenti elaborati:

  • Tav. V.2.4 P.R.G. – Gennaio 2017
  • Tav. V.2.5 P.R.G. – Gennaio 2017
  • Quadro d’Unione – Gennaio 2017
  • N.T.A. del P.R.G. (artt. 03, 06, 82 ed inserimento 58 bis) – Gennaio 2017

ZONA OMOGENEA "A". CATALOGAZIONE DEI MANUFATTI ARCHITETTONICI

La disciplina della zona omogenea A è definita dal combinato disposto risultante dall'applicazione contestuale delle prescrizioni inerenti le unità minime di intervento ed ai criteri di intervento ammessi per le singole unità edilizie, nonchè dall'obbligo di conservazione, recupero e valorizzazione degli elementi architettonici e decorativi di pregio eventualmente esistenti.

Le singole schede di rilevamento contengono indicazioni e prescrizioni riguardanti gli elementi compositivi, di decoro nonchè l'indviduazione degli elementi incongrui a cui il professionista dovrà fare riferimento nell'ambito della presentazione dei titoli abilitativi, per la realizzazione degli interventi edilizi.

TAVOLA ZONE TERRITORIALI OMOGENEE "A"

SCHEDE DI CENSIMENTO (220 MB)

Area Tecnica - Servizio Urbanistica

Via Bellucci, 1 - 41058 Vignola

tel. 059-777512
fax. 059-777548
e-mail: serena.bergamini@comune.vignola.mo.it
e-mail: marcella.soravia@comune.vignola.mo.it
referenti:
Responsabile del Servizio: arch. Serena Bergamini
Segreteria Amministrativa: Marcella Soravia, Maria Cristina Folloni

orari:
Orari di Apertura Sportello1 - Professionisti Imprese
Lunedì: dalle ore 11,00 alle ore 13,00
martedì: CHIUSO
mercoledì: dalle ore 11,00 alle ore 13,00
giovedì: dalle ore 11,00 alle ore 13,00
venerdì: dalle ore 11,00 alle ore 13,00


Si riceve su appuntamento

Primo inserimento del 22/02/2017 - Ultimo aggiornamento del 14/02/2019 ore 13:21 - N° visioni: 7.321