Città di Vignola

Rifiuti, entro il 2018 a Vignola arriva il “porta a porta”

Ci sono grandi novità all’orizzonte sul sistema di raccolta dei rifiuti solidi urbani a Vignola. Entro il 2018, infatti, sarà avviato sul territorio comunale il sistema del “porta a porta”, allo scopo sostanzialmente di ottenere un doppio vantaggio: aumentare sensibilmente la percentuale di raccolta differenziata e abbassare contestualmente i costi di smaltimento, con conseguenti benefici economici e ambientali. Vignola ha infatti storicamente una bassa percentuale di raccolta differenziata e, per questo motivo, è già stata oggetto più volte di penalizzazioni economiche da parte della Regione e di Atersir, che poi vanno a ripercuotersi sulle bollette, a scapito indistintamente di tutte le famiglie, dalle più alle meno virtuose. Per invertire questa tendenza l'Amministrazione Comunale intende quindi attivare il sistema di raccolta porta a porta, che sarà poi accompagnato dalla cosiddetta “tariffazione puntuale”. In altri termini, ogni cittadino pagherà realmente per quanti rifiuti produce e avrà sconti in bolletta sulla base della quantità di raccolta differenziata effettuata. Del resto, l'Amministrazione punta molto sull'incentivazione a favore dei cittadini corretti nel conferimento dei rifiuti. Il metodo di fatturazione cosiddetto “a tariffa puntuale” consente infatti di premiare chi produce pochi rifiuti indifferenziati e di sanzionare chi non rispetta le regole. Ad esempio: ogni appartamento, purché abitato, avrà un identificativo. Ad uno dei presenti nell’alloggio, anche se non anagraficamente residente, sarà affidata la responsabilità del conferimento dei rifiuti e recapitata la fattura per il servizio. Il periodo di Natale 2017 da poco trascorso, nonostante l'impegno degli addetti della coop sociale Aliante che hanno girato in continuazione per mitigare il disagio, ha messo in evidenza limiti e criticità dell'attuale organizzazione, aggravate da comportamenti scorretti. Gli abbandoni e lo sporco nei pressi delle isole di base è un fatto negativo e purtroppo ricorrente durante tutto l'anno. L'eliminazione dei cassonetti e delle campane per il vetro libererà spazi che potranno essere oggetto di arredo urbano o convertiti a parcheggio. Il primo passo verso il sistema di raccolta “Porta a porta” sarà l'informazione capillare alla popolazione. Sarà poi distribuito il materiale necessario: sacchi per carta, plastica e indifferenziato, contenitori per il vetro e l'umido. Il tutto di adeguate dimensioni, a seconda che si tratti di contenitori ad uso familiare, condominiale o per bar, ristoranti, negozi, artigiani, etc. Il calendario dei ritiri sarà una volta la settimana per indifferenziato, carta e plastica, due volte la settimana per l'organico e la frazione umida. L'isola ecologica rimarrà inoltre sempre disponibile, così come il ritiro gratuito su appuntamento degli ingombranti. Il nuovo modello di raccolta dei rifiuti segue l’organizzazione che è già stata adottata da molti comuni italiani e vedrà il graduale coinvolgimento anche dei comuni in provincia di Modena e in Emilia Romagna.

Primo inserimento del 08/01/2018 - Ultimo aggiornamento del 23/07/2018 ore 16:46 - N° visioni: 2.076