Città di Vignola

Sguardi dal fronte

24 ottobre 2015 - 10 gennaio 2016
Sale della Meridiana
Piazza dei Contrari, 2 - Vignola (MO)

Esposizione di foto inedite sulla Grande Guerra provenienti dal fondo Mario Borsari, donata al Comune di Vignola dalla famiglia Borsari-Bartoli, erede del grande chimico, patriota e letterato vignolese Francesco Selmi.

Inaugurazione
Sabato 24 ottobre 2015, 17:00 - Sala dei Contrari, Rocca di Vignola

interverranno
Mauro Smeraldi, Sindaco di Vignola
Valerio Massimo Manfredi, Presidente della Fondazione di Vignola
Giovanni Bartoli, nipote di Mario Borsari
Debora Dameri, responsabile della Biblioteca Comunale Francesco Selmi

Annullo filatelico
14:00 - 19:00 - Sale della Meridiana
a cura del Gruppo Filatelico "Città di Vignola, che per l'occasione curerà un'esposizione di cartoline e francobolli d'epoca.

Orari di ingresso:
sabato e domenica
10:00 - 12:00 / 15:30 - 18:30

Aperture straordinarie:
martedì 8 dicembre 2015 e mercoledì 6 gennaio 2016

Visite guidate su appuntamento per scolaresche e gruppi:
info: 059 771093


La mostra fotografica Sguardi dal fronte. la Grande Guerra nel fondo fotografico Mario Borsari è organizzata dal Comune di Vignola e dalla Fondazione di Vignola, con la collaborazione del Gruppo di Documentazione Vignolese Mezaluna - Mario Menabue.

Il fondo fotografico (3.000 foto e circa 2.000 tra negativi e lastre) è stato interamente digitalizzato a cura dell'IBC Regione Emilia-Romagna e sarà oggetto di restauro e catalogazione in modo da renderlo pienamente fruibile.

Nel contesto della mostra è stato realizzato un video, ottenuto "animando" le fotografie con programmi di elaborazione delle immagini e commentato con testimonianze diaristiche e documentali sulla realtà della vita in trincea e della guerra, accompagnate dal suono della fisarmonica. L'audiovisivo è stato realizzato in collaborazione con alcuni studenti dell'Istituto di istruzione superiore "Primo Levi" di Vignola.

Sia le foto esposte, in grandi e curate riproduzioni, sia le sequenze del video presentano immagini inedite, sfuggite alla censura militare perchè scattate in gran parte per il proprio archivio fotografico dal capitano Mario Borsari, all'epoca al comando di diversi autoparchi e officine automobilistiche.

Gli scatti, che hanno il dono dell'immediatezza, non senza un fondo di ironia e disincanto, documentano fasi cruciali del conflitto, seguendo il sottile filo che divideva la vita dalla morte sui campi di battaglia, dagli effetti dei gas asfissianti lanciati dagli austriaci sul Carso il 29 giugno 1916, alle distruzioni arrecate dalla guerra nei paesi a ridosso del fronte. Oltre a questo, di particolare interesse risultano le fotografie che rappresentano numerosi mezzi motorizzati, velivoli e pezzi di artiglieria italiani, a testimonianza del particolare interesse di Mario Borsari per il nuovo volto della guerra tecnologica moderna.


L'esposizione è stata progettata e curata dalla Biblioteca comunale "Francesco Selmi" di Vignola insieme al Centro di Documentazione della Fondazione di Vignola e dal Gruppo Mezaluna - Mario Menabue. L'iniziativa ha ottenuto dalla Struttura di Missione per gli anniversari di interesse nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri il logo ufficiale delle commemorazioni per il Centenario della Prima Guerra Mondiale.

Primo inserimento del 21/10/2015 - Ultimo aggiornamento del 11/11/2015 ore 10:07 - N° visioni: 1.950